Notizie

cerca

Avanti popolo. Il PCI nella storia d'Italia

Dal 14 gennario fino al 6 febbraio, alla Casa dell’Architettura di Roma, si inaugura la mostra "Avanti popolo. Il PCI nella storia d'Italia", 70 anni di storia del nostro Paese raccontati attraverso documenti originali esposti nelle bacheche o digitalizzati, le vignette di Staino e Altan, filmati d'archivio e il film di Mimmo Calopresti "Anch'io ero comunista", immagini e interviste a registi, appassionati e sceneggiatori. 

La storia di un partito, ha scritto Gramsci nei Quaderni del carcere, è storia del suo paese «da un punto di vista monografico».

Questa mostra, quindi, racconta settant’anni di storia d’Italia documentando la parte ed il ruolo che vi ebbe il Pci dalla sua fondazione a Livorno il 21 gennaio 1921, sotto la guida di Bordiga, alla nascita del Partito democratico della sinistra, a Rimini, il 4 febbraio 1991. Ma la storia del Novecento, scriveva ancora Gramsci, è «storia mondiale», e solo convenzionalmente si può scrivere la storia nazionale, a patto che se ne sappiano cogliere le relazioni con la storia internazionale.

La storia del Pci che qui si racconta è quindi storia dell’Italia nello scenario della storia internazionale del XX secolo.

All'interno della mostra, una sezione dedicata alla grafica e curata da Stefano Rovai dal titolo "PCI - Progetti, Confronti, Incontri". 

Trentaquattro grafici interpretano la propria idea del Partito Comunista Italiano con una formula singolare: ciascuno dei diciassette senior designer, oltre a tradurre visivamente il proprio modo di essersi rapportato, in maniera diretta o indiretta, con il Partito, ripercorrendone valori, significati, illusioni o disillusioni ad esso legati, ha selezionato un giovane progettista grafico, nato all'incirca nel momento in cui il partito si è sciolto, invitandolo a confrontarsi con lo stesso tema e con lo stesso mezzo, il manifesto 70x100 cm.

I progettisti grafici esposti sono:
Franco Balan, Gianluca Naccarato; Vincenzo Bergamene, Sonia Ziello; Mauro Bubbico, Stefano Faoro; Tiziana Casselon, Giulia Forenza; Franco De Vecchis, Melissa Troiani; Bruno Magno, Giulia Scifoni; Francesco Messina, Roberto Duse; Armando Milani, Sara Paioncini e Maura Puddu; Elisabetta Ognibene, Caterina Zanasi; Mauro Panzeri, Silvia Capurro; Mario Piazza, Marco Basti; Andrea Rauch, Fupete; Stefano Rovai, Niccolò Manzoni; Gianni Sinni, Laurie Elie; Leonardo Sonnoli, Irene Bacchi; Tapiro, Kim Costantino; Giuliano Vittori, Luca Coppola.

Da questa iniziativa e dal rapporto progettuale tra generazioni diverse di operatori della comunicazione scaturisce un’occasione di dialogo e di confronto costruttivo su un tema che tanto rilievo ha avuto nella nostra storia politica, sociale e culturale. In data da definire, si terrà una giornata di incontri sul tema della grafica di pubblica utilità.

La mostra è basata essenzialmente sul patrimonio archivistico e documentale della Fondazione Istituto Gramsci e della Fondazione Cespe, che sono depositarie degli archivi del Pci.
Si presentano perciò soprattutto materiali accumulati e conservati nel tempo dal partito stesso, che rappresentano una testimonianza della memoria da esso elaborata e trasmessa.
Si potrebbe dire che nella mostra il Pci viene raccontato attraverso se stesso e attraverso le tracce documentali che dirigenti, militanti e popolo hanno lasciato.

Sono inoltre esibiti materiali selezionati dall’archivio de l’Unità, dall’archivio del Crs, dall’archivio della Fondazione Di Vittorio, dall’archivio dell’Udi, dall’Archivio audiovisivo del movimento operaio, dall’Istituto Luce, dagli archivi della Rai.

L’evento è una iniziativa della Fondazione Istituto Gramsci e della Fondazione Cespe (Centro Studi di Politica Economica).

Nel 2011 oltre a Roma la mostra sarà allestita anche a Livorno, Genova, Perugia, Milano e Bologna.

 

Dettagli della mostra:
Dal 14 gennaio al 6 febbraio 2011

Acquario Romano
Casa dell'Architettura
Piazza Manfredo Fanti 47, Roma

 

Tel. 06 97604598
Fax 06 97604561
http://ilpcinellastoriaditalia.it/mostra.html
info@ilpcinellastoriaditalia.it

 


(13 gen 2011 )


 

apri

Stefano Faoro

apri

Mauro Bubbico

apri

Mario Piazza

 

download:

links:



Aiap
via Ponchielli, 3
20129 Milano

11 dicembre 2017

Cerca:


AIAP facebook page AIAP youtube channel