AIAP e POLI.design rinnovano la collaborazione nell’ambito formativo e annunciano la prima edizione del corso di alta formazione “Brand mutation”.

UN NUOVO SCENARIO

In un mondo che cambia rapidamente, la comunicazione di ogni brand oggi si muove su più dimensioni e su più media. Persone, prodotti e servizi sono in relazione in modalità complesse. Se cinquant’anni fa un brand era un segno utilizzato per la riconoscibilità della marca, oggi un brand è una piattaforma nella quale persone con una visione affine si incontrano, condividono esperienze che creano coinvolgimento e attaccamento. Internet, i social media, le innovazioni tecnologiche hanno offerto ai brand l’opportunità di comportarsi come organismi viventi. In tempi di grandi cambiamenti, un design flessibile, capace di adattarsi alla continua evoluzione dei contesti è valore fondamentale e risorsa imprescindibile. Brand manager, designer, progettisti della comunicazione sono chiamati a ripensare brand identity come sistemi in grado di comunicare con i diversi interlocutori in diversi contesti. Per fare questo è necessario definire quali sono i nuovi territori in cui questo concetto di brand può svilupparsi.

Il corso si articola in due parti.
La prima parte è composta da una serie di sei lezioni tenute via webinar, da aprile a luglio 2021, con sei personalità di livello internazionale che, moderati da Danny Kreeft, presenteranno casi studio, visioni e metodologie di lavoro.
La seconda parte sarà un workshop, tenuto da Danny Kreeft affiancato da Tim Rodenbröker per gli ambiti di creative coding, che si svolgerà in modalità blended dal 6 al 10 settembre 2021.

I webinar sono rivolti a studenti e neolaureati nelle discipline legate alla comunicazione, al design visivo e al branding, creative e design direction, brand manager e brand strategist, graphic designer, professionisti interessati alle dinamiche del branding.
Il workshop si rivolge in particolare a studenti, neolaureati, giovani designer e creativi con background in graphic design o brand identity.

Per leggere il programma completo del corso, avere maggiori informazioni e per iscriversi

I WEBINAR

Sei protagonisti della scena internazionale del design della comunciazione visiva condividono le loro esperienze, il loro know-how e la loro metodologia in una lezione di due ore, moderati da Danny Kreeft. I concetti di variazione e dinamicità nel branding vengono esplorati attraverso sei tematiche che diventano lenti focali per l’analisi delle più recenti tendenze e direzioni.


1. Brands as ecosystems

Giovedì 22 aprile 17.00-19.00
Kontrapunkt – Philip Linnemann (DK)

Philip Linnemann, direttore creativo e partner a Kontrapunkt, brand e design agency danese con uffici a a Copenhagen e Tokyo, coniuga il branding con l’experience design. In questa lecture esplorerà la natura olistica di ciò che costituisce un brand, inteso come un ecosistema biologico, vivo, ovvero come un network multicanale di interazioni e connessioni. Una presenza contemporanea su molteplici piattaforme, progettata allo scopo di creare esperienze coerenti che attraversano più touchpoin, applicazioni, device con narrazioni e messaggi interconnessi in grado di muoversi da uno strumento all’altro.


2. Brands and change

Giovedì 6 maggio, 17.00-19.00
Stockholm Design Lab – Greg Brown (SE)

“Change is the only thing you can count on”. Il cambiamento è l’unica cosa di cui si possa davvero essere certi.
Il mondo è in costante trasformazione ed evoluzione e così devono fare i brand, se vogliono mantenere un ruolo nodale nei nuovi contesti. Partendo dalla generazione di un linguaggio visivo attabile e flessibile, la progettazione esprime il suo potenziale quando catalizza il processo di continua trasformazione, evoluzione e sviluppo di un brand.


3. Brands and cities

Giovedì 20 maggio, 17.00-19.00
Thonik – Nikki Gonnissen (NL)

L’ambiente città è uno specchio delle necessità e dei valori dell’uomo. Il processsi di brandig può essere letto come una strategia per definire un nuovo significato condiviso del concetto di appartenza. I brand hanno il potenziale di creare inclusività e un senso di appartenenza condiviso. I brand possono aiutare le città a rendere tangibile la loro cultura.


4. Brands as territories

Giovedì 3 giugno, 17.00-19.00
The Rodina – Tereza Ruller (NL)

Tereza Ruller, di The Rodina, “post-critical design studio”, esplorerà in questa lezione le modalità con le quali un brand si esprime attraverso la costruzione di ambienti, fisici e digitali. Con un approccio crossmedialele verranno esplorate le possibilità spaziali e d’interazione negli ambienti virtuali, intesi come spazi per nuove visioni e estetiche all’intersezione di cultura e tecnologia.


5. Brands and stories


Giovedì 17 giugno, 17.00-19.00
Lava – Hans Wolbers (NL)


Hans Wolbers è il fondatore e direttore creativo di Lava, Lava Design Amsterdam, Beijing and Lava Lab. In questo webinar rifletterà sulla costruzione di narrazioni come parte fondamentale della nostra stessa natura. A partire dall’uso che l’industria della comunicazione ha fatto dei concetto di “storytelling” e di “brand story”, Wolbers analizzerà come, a differenza dei romanzi con trame lineari, le brand story si evolvano oltre la dimensione temporale e siano (visivamente) sviluppate su più canali. Offrendo diversi punti di ingresso all’esperienza del brand in un flusso narrativo. Il reale potere dello storytelling viene spesso male interpretato, e l’hype che ne è conseguito ha causato un’esplosione di fake story, dannose per il brand stesso. Non si può imporre progettare o imporre al brand storie false. Solo storie REAL STORY creano REAL BRAND.


6. Variable brands


Giovedì 1 luglio, 17.00-19.00
Studio Dumbar – Liza Enebeis (NL)

Liza Enebeis è creative director di Studio Dumbar. In questo webinar esplorerà come, grazie alle tecnologie digitali e alle pratiche di creative coding, sia cambiato il concetto stesso di identità variabile. Verranno analizzati i design system di brand identity “vive”, che si muovono o cambiano colore, forma e impianto. Questi sistemi si possono considerare “aperti”, nel senso in cui sono dati esterni a generarne la variazione, o controllati attraverso un sistema attentamente progettato dal designer.


IL WORKSHOP

Il workshop, che si svolgerà dal 6 al 10 settembre 2021, integrerà i modelli concettuali esplorati nei webinar con un’esperienza laboratoriale dedicata allo sviluppo di un un brand dal punto di vista del suo sistema di identità visiva con una prospettiva variabile, offrendo una panoramica degli strumenti e delle tecnologie del creative coding. Gli obiettivi del corso: apprendere a progettare una brand identity come sistema dinamico e variabile. Progettare un ecosistema comunicativo da una prospettiva generativa. Danny Kreeft curerà la parte della progettazione del brand identity system e sarà affiancato da Tim Rodenbröker per gli ambiti di creative coding.


I DOCENTI DEL WORKSHOP

Danny Kreeft
Danny Kreeft (1971) graduated in graphic design in 1998 at the Willem de Kooning Academy in Rotterdam, the Netherlands. Before striking out on his own in 2007 as Kreeft, he “apprenticed” at renowned design agencies including Studio Dumbar, where during his time he gained experience on visual identities of large dutch corporations such as: Royal Dutch Post (TPG Post), Royal Dutch Telecom (KPN) company, Randstad, ING Bank as well as international clients. Since the start of his career Danny Kreeft has completed visual identities for a wide range of clients, national and international, both big and small, within the commercial sector, non-profit and the public domain. His portfolio includes clients such as: Allianz, Shell, Nokia, Randstad, TNT, TPG Post, KPN, Wolters Kluwer, ING, Antalis, AG2R La Mondiale, RATP, Open Loop New York, Thello, Eiffage, Nikon, Trenitalia, City of Unjeong, Woongjin, Olympics Beijing 2008, World Expo Shanghai 2010, Van Gogh Museum, Rijksmuseum, Manifesta, University of Amsterdam, City of Rotterdam, EYE filmmuseum, Schiphol airport. He also teamed up with some of the leading creative agencies in the Netherlands such as: Koeweiden Postma, Total Identity, Dietwee, Fabrique, Eden Spiekermann, Interbrand and Studio Dumbar to collaborate on projects. His work has been nominated and selected for prestigious and international design awards including: Dutch Design Award (2003, 2006). Red Dot Award (Gold 2012) European Design Award (Gold 2011) Icona D’Or (2011). Nominated D&AD Awards (2003, 2004) Nominated Dutch Art Director Club Netherlands 2004. His work took also part in dutch and international exhibitions at a.o. Affiche Festival Chaumont and has been published in several newspapers, books and magazines. In addition to his practice Danny has been teaching graphic design and branding at the Willem de Kooning Academy Rotterdam (NL) from 2004 – 2016. Since 2014 he teaches comunicazione d’impresa at ISIA Urbino (IT). Kreeft is a design studio specializing in brand identity design. Kreeft develops brand experiences, creatively-led strategies, and visual identities, offering both design and design consultancy.

Tim Rodenbröker
Educator and designer Tim Rodenbröker works in the intersection of communication and technology. He sees code as an essential building-block in contemporary design-education. Over the course of the last years he has developed a wide range of commercial and self-commissioned projects that proof and highlight the massive potencial of creative coding in the realms of communication design. Tim has built numerous online- and offline-communities around this theme, always aiming to connect people from various creative disciplines. He regularly speaks at design-conferences and conducts workshops in universities and venues around Europe. timrodenbroeker.de