Notizie

cerca

XXII ICOGRADA General Assembly: Design/Culture

Si è tenuta a Cuba nella settimana dal 20 al 26 ottobre il XXII congresso internazionale e assemblea generale elettiva di ICOGRADA.
L'evento dedicato a Design/Culture è stato ricco di appuntamenti dalla Educational Conference all'Assemblea Generale ICOGRADA che ha visto anche l'elezione del nuovo board.

L’assemblea generale elettiva è stata preceduta dalle attività dell’Icograda Educational Network e da tre giorni di convegni e conferenze.
Nella IEN c’è stata una massiccia partecipazione di gruppi di ricerca universitari soprattutto del Nord America con una componente anche molto trasversale rispetto alle tematiche disciplinari. Una grossa parte degli oratori invitati infatti proveniva dal mondo sociologico e della psicologia sociale o etnografica a sottolineare l’importanza che anche il mondo della comunicazione sta attribuendo alle componenti/approcci use centered.
In particolare sono emersi due macrofiloni: uno più sperimentale che cerca di applicare le metodologie del design e della ricerca antropologica a progetti incentrati sulle minoranze etniche e culturali. Tra cui emerge anche il nuovo network INDIGO promosso da Russel Kennedy.
L’altro più legato ai Curricula formativi e alle componenti culturali, native, religiose ed al rispetto di sensibilità e realtà di provenienza (forse particolarmente sentite dai docenti di cultura anglosassone/wasp rispetto alle minoranze etniche latine o di altre culture).
Dominante e trasversale il tema dell’ecosostenibilità.
Nella tre giorni di conferenze invece la dominante è stato il tema dell’identità vissuta soprattutto a livello di macro sistemi. Quello che ne emerge complessivamente, dall’intervento di Ollins sulla “brandizzazione“ della Polonia, piuttosto che dai progetti della nuova identità turistica dell’Australia di Interbrand con forti connotazioni etniche nel tentativo di ricomporre anche la presenza aborigena, è che il design della comunicazione si sta spostando sempre più da un’idea di servizio accessorio nella comunicazione di impresa a una dimensione nazionale in cui i sistemi di identità e comunicazione sono parte stesse delle forme di identificazione e di governo del territorio e hanno un notevole valore anche sociale.

......
Elezione del nuovo board
Durante l’assemblea generale è stato eletto il nuovo board ICOGRADA che rimarrà in carica per il prossimo biennio 2007 – 09.

Risultano eletti:
Don Ryun Chang (Korea) President
Jacques Lange (South Africa) Past President
Russel Kennedy (Australia) President Elect
Lise Vejse Klint (Denmark) Secretary General
David Barman (Canada) Tresaurer
Iva Babaja (Croazia) Vice President
Halim Choureiry (Qatar) Vice President
Mohammed Jogie (South Africa) Vice President
Omar Vulpinari (Italia) Vice President
Ming Wang (Cina) Vice President

......

XXII Assemblea Generale: modifiche dello statuto

Durante la XXII Assemblea Generale di Cuba sono state discusse, votate o quanto meno affrontate una serie di modifiche che porteranno sul medio e lungo periodo dei cambiamenti di indirizzo e di configurazione stessa di Icograda oltre che delle altre associazioni mondiali in funzione dell’intenzione di confluire in IDA.

Un grosso capitolo di cambiamento di questa assemblea viene dalla ridefinizione dello statuto e di alcuni degli articoli, nonché dalla definizione stessa del ruolo di Icograda e della professione che essa rappresenta.

Innanzitutto con la riformulazione dell’articolo 3 Icograda ridefinisce la sua missione inserendo rispetto alla versione precedente alcuni interessanti capisaldi:
- Icograda diventa espressione della comunità dei communication designer
- La sua rappresentatività si contestualizza all’interno della comunità più ampia dei designer (che non vengono più considerati come appartenenti ad altre discipline, ma un sovra insieme con una medesima vocazione professionale)
- Icograda sembra focalizzare il suo interesse nel suscitare e mantenere un elevato livello professionale prima di tutto all’interno della propria comunità
- Icograda dichiara esplicitamente il ruolo del design nelle tematiche di responsabilità ecologica.
- Icograda promuove a livello privato, professionale e sociale il valore e la responsabilità di questa professione
- Icograda è impegnata nel facilitare la gestione e la condivisione della conoscenza
- Icograda promuove la formazione nell’ambito della progettazione di comunicazione, sia dal punto di vista teorico, della prassi che della ricerca.
In un articolo inoltre Icograda dichiara di promuovere la cooperazione tra le associazioni lasciando aperto il dibattito se in senso generale o attraverso le strategie scopie d obiettivi di IDA.
Cosa in seguito dibattuta anche durante l’assemblea.

Definizioni: communication designer
Una modifica significativa è stata portata a partire dallo statuto e dalla definizione stessa di Icograda:
Nelle definizioni si è passati dalla dicitura graphic designer a quella di communication designer.
Il focus complessivo si sposta cioè da una visione piuttosto tradizionale della professione del grafico, ascritta tendenzialmente al mondo della stampa, della tipografia, della pubblicità, del packaging e della grafica editoriale per spostarsi sul concetto più ampio e generale di progettisti di comunicazione a tutto tondo in cui addirittura viene tralasciate la contestualizzazione al solo fatto visivo riportato solo nella descrizione puntuali delle specifiche attività.
Nell’elenco delle specifiche attività professionali votate durante l’assemblea e che sono state inseguito perfezionate dal nuovo board eletto, fanno la comparsa anche settori disciplinari fino ad ora non contemplati come i new media e ambiti di interface design, web etc.
La scelta, particolarmente sentita anche dall’assemblea, ha suscitato la necessità di un dibattito sull’essenza stessa della professione e di conseguenza delle nuove realtà e dei nuovi ambiti in cui ci si trova a lavorare. L’etichetta di grafica/o in questo senso sembra avere una connotazione troppo restrittiva.
Questa ridefinizione (insieme ad altri cambiamenti in atto) sembra orientare Icograda verso una visione più ampia ed articolata della sua missione e rispondere in maniera aderente al mondo professionale – e quindi delle associazioni da essa rappresentate – in maniera più vicina alla realtà quotidiana di una professione che cambia.

Definizioni: membri con diritto di voto
Icograda ha modificato a livello di statuto i membri votanti e non riorganizzando di fatto chi può essere membro o no dell’associazione stessa.

Full member > professional member
Sono considerate in questo senso le associazioni nazionali in cui la maggioranza dei soci svolga la professione di designer della comunicazione o il cui scopo sia di promuovere il design (gli unici che possono votare modifiche allo statuto).

Promotional member

Organizzazioni nazionali con scopo di promozione o di organizzazione e coordinamento tecnico che contribuiscono alla promozione dello status e degli standard del design

Education
Tutte le istituzioni formative che offrono programmi di post secondo livello specifici di design della comunicazione in funzione del contesto di ogni singolo paese [da noi sarebbe l’equivalente di una laurea specialistica grosso modo o un biennio di master].

Definizioni: membri senza diritto di voto
Affiliati
Sono le organizzazioni internazionali che si occupano della professione in settori correlati al design della comunicazione

Osservatori
Categoria ratificata dal 2007 per incoraggiare le associazioni di recente fondazione ad inserirsi nel network internazionale.
Questa categoria che prevede un periodo massimo di 24 mesi – salvo ratifica e fino al massimo a un rinnovo del board – viene anche utilizzata per associazioni moto piccole o che stanno subendo grosse riorganizzazioni interne o in caso di particolari ristrettezze economiche per poter comunque mantenere un legame internazionale (es. paesi in via di sviluppo, paesi che escono da particolari situazioni socio politiche etc).

......
Quello che sembra emergere da questa prima fase di rinnovamento dello statuto per quanto la forma sia piuttosto burocratica sono una serie di modifiche che sembrano dare una nuova maturità agli scopi e ai ruoli dell’associazione.

Dopo una fase di consolidamento della professione e della visibilità del graphic design che ha portato anche a grossi cambiamenti strutturali, come lo spostamento della sede in Nord America dopo un periodo europeo centrico e una grossa apertura internazionale verso i paesi dell’oriente (Assemblea di Nagoya) l’associazione sembra aver superato la necessità di pura visibilità e promozione per un consolidamento.

Se anche nello statuto precedente gli articoli erano molto concentrati sul riconoscimento del design a livello di governi nazionali con tutta una serie di attività di supporto come la promozione presso le parti sociali, i governi, le pubbliche amministrazioni, il mondo dell’industria e aziendale, tramite anche attività molto specifiche come la divulgazione, l’organizzazione di convegni etc. ora queste attività che sono ormai di ruotine sono superate da una visione più di insieme e strategica dell’attività di Icograda.

Passata la fase tattica e consolidato il network internazionale che negli ultimi anni si è ampliato gli scopi adesso sono di maggior respiro e abbracciano almeno tre tematiche:
- il rafforzamento del network internazionale con una grande attenzione per paesi in via di sviluppo, realtà nazionali marginali, componenti culturali minori etc,
- la dimensione divulgativa e di formazione legata all’Educational Network sempre più articolata e strutturata
- una prospettiva complessiva sul mondo del design in cui pur riconoscendo lo specifico professionale e culturale delle associazioni “sorelle” si cerca di riconoscer nella comunque radice progettuale il motivo comune e unificante che orienta Icograda, ICSID e IFI a confluire in IDA


(31 ott 2007 )


 

apri

apri

 

download:

links:



Aiap
via Ponchielli, 3
20129 Milano

30 marzo 2017

Cerca:


AIAP facebook page AIAP youtube channel