Notizie

cerca

Genova City Logo: deadline prorogata al 2 dicembre!

Il concorso nasce nell'ambito del progetto europeo Urbact "City Logo: Innovative City Brand Management" al quale Genova partecipa dal 2012, insieme ad altre nove città europee impegnate in strategie di posizionamento e di branding allo scopo di migliorare l’immagine delle città agli occhi di cittadini e turisti.

I termini per la presentazione delle proposte per il Concorso Internazionale di Idee per il nuovo logotipo e payoff per la promozione della città di Genova sono prorogati alle ore 16.00 di lunedì 2 dicembre 2013.

Le proposte dovranno pervenire all'Archivio generale del Comune di Genova, Piazza Dante 10, - 1° piano - 16123 Genova , secondo le modalità indicate nel bando, entro la
scadenza indicata. NON farà fede il timbro postale.

Il bando è aperto a: imprese, società e agenzie di grafica, design della comunicazione visiva, pubblicità e comunicazione; professionisti grafici, architetti, web e graphic designer; laureati e possessori di diplomi universitari ad indirizzo grafica e comunicazione, design, belle arti. La partecipazione al concorso è ammessa in forma individuale o in raggruppamento.

Il concorso per il nuovo marchio di Genova vuole perseguire diverse finalità:

Nella definizione del bando, il Comune di Genova è partito dall'attivazione di tre focus group (il primo costituito da giovani, il secondo da imprenditori e il terzo da operatori turistici) con l'intento di operare un approfondimento su Genova, come è e come vuole essere, facendo emergere il più possibile il profondo sentire dei genovesi.
Una sintesi delle opinioni espresse dai partecipanti è disponibile in allegato al bando, per fornire spunti progettuali sui temi centrali della città (il suo posizionamento, il porto, l’industria, il turismo, il sociale) e stimolare la riflessione su ciò che sta prima e dopo la progettazione del logo stesso, inteso non come espressione di mera fantasia ma come simbolo e sintesi della città.

 

Genova in pochi anni è radicalmente mutata, da città portuale “vicina a Portofino”, in piena crisi post-industriale, sta rapidamente risalendo le posizioni di moderna metropoli dell’industria “pulita” e dei servizi. Molti problemi alimentati dalla crisi di sistema e dall’affanno dell’industria, in particolare siderurgica, restano, tuttavia la cultura industriale della città  – storicamente “sistemica” piuttosto che “fordista” cioè con una forte componente professionale del lavoro – si sta rapidamente adeguando al cambiamento imposto dalle rapidissime variazioni dell’economia globale e dalla crisi del nord ovest.
Grazie alle nuove grandi opere infrastrutturali recentemente avviate, Genova è già punto di partenza e arrivo dell’asse logistico strategico conosciuto come “corridoio europeo dei due mari”. Ma non solo. La città, diventata “più bella” come recitava un fortunato slogan pubblicitario, è stata rilanciata durante il 2004 come “ultima grande città d’arte da scoprire”. Da allora continua ad attrarre flussi crescenti di turismo e ha dato spazio ad una effervescente produzione culturale e nascita di nuovi servizi.
Oggi, all’interno del progetto dell’UE Urbact, attraverso la creazione di un logotipo che la rappresenti, l’amministrazione genovese vuol dare una risposta visibile al cambiamento storico, di cui è partecipe con gli altri centri urbani europei, e soprattutto vuole interpretare e gestire la propria idea di futuro.
(dal brief elaborato dal Comune di Genova su posizionamento e prospettive della città)


Per ulteriori informazioni contattare:
Ufficio Comunicazione del Comune di Genova
mgardella@comune.genova.it
rcecconi@comune.genova.it


(31 ott 2013 )


 

apri

apri

 

links:



Aiap
via Ponchielli, 3
20129 Milano

30 marzo 2017

Cerca:


AIAP facebook page AIAP youtube channel