Riflessioni

Educare ai concorsi

Le lettere che seguono preventiva e curativa sono dei documenti che la segreteria AIAP inoltra ogni qualvolta viene a conoscenza di bandi di gare e concorsi che non rispettino le norme Icograda. La lettera preventiva viene inviata quando il bando non è stato ancora istruito, mentre la lettera curativa viene inviata quando un bando è stato già istruito.
Potete comunicare in segreteria i concorsi non idonei o utilizzare voi stessi le lettere adattandole alle vostre esigenze.


Lettera preventiva
(da inviare alle istituzioni che sono in procinto di istruire dei concorsi)

Spettabile Amministrazione,
Oggetto: Gare e concorsi per comunicare meglio

Con la presente vorremmo sottoporvi alcune riflessioni che riteniamo possano esservi utili per istituire dei bandi che hanno come oggetto l'acquisto di servizi di progettazione visiva come marchi, identità visive, manifesti, siti internet, libri...
Non le saranno certamente sfuggiti i casi in qui gare e concorsi hanno prodotto polemiche, attirato l'attenzione dei media o della magistratura producendo un danno gravissimo di immagine alle istituzioni che, pur mosse da nobili e leggittime esigenze di costruirsi una chiara e identità visiva si sono trovate di fronte a risultati non adeguati e non condivisi.
Responsabile di tutto questo sono le modalità operative con le quali vengono istruiti i bandi e condotti i concorsi in materia di comunicazione visiva. La specificità e la delicatezza dell'intervento richiesto richiedono un'adeguata riflessione e l'acquisizione di metodi che garantiscano la massima trasparenza e il massimo dei risultati.
Il concorso di idee si può considerare la forma di partecipazione più democratica, produttiva e trasparente, ma i risultati di un concorso sono direttamente proporzionali alla qualità del bando proposto, alla trasparenza delle norme, alla congruità dei premi, alla composizione e alla qualificazione della giuria.
Riteniamo il design un elemento strategico dello sviluppo e vorremmo che mantenesse quel livello di eccellenza che ne ha fatto una delle voci più importanti dell’economia nazionale e la fonte di giustificato orgoglio.
Riteniamo altresì che i risultati di un concorso siano direttamente proporzionali alla qualità del bando proposto, alla trasparenza delle norme, alla congruità dei premi, alla composizione della giuria.
Per questo auspichiamo che le indicazioni sulle corrette modalità di indire un concorso di design redatte da un organismo internazionale quale Icograda e condivise dall'AIAP, possano esservi utili e diventare il punto di riferimento anche nella pubblica amministrazione italiana. Vi riassumiamo i punti più qualificanti della normativa:
- obbligo dell’anonimato per i partecipanti
- tempi di realizzazione adeguati al lavoro richiesto
- trasparenza delle norme di valutazione
- definizione precisa del tema e dei materiali richiesti, predisposizione di una adeguata documentazione
- giuria qualificata che comprenda esperti di comunicazione e/o progettazione grafica
- congruità dei premi
Le norme al completo le potete trovare su:
http://www.aiap.it/documenti/8051
Siamo convinti che, se rispettate, queste norme fanno di un concorso un’occasione di crescita per l'istituzione, i cittadini e l’intero sistema della comunicazione.
Ecco perchè rimaniamo a vostra disposizione, in ogni momento, per fornirvi tutto il supporto di competenze che può garantirvi la più importante e numerosa associazione italiana del settore. Ci farà molto piacere sentirvi, e cercheremo di diffondere a tutte le ammistrazioni pubbliche italiane, se è possibile anche con il vostro aiuto, il nostro modo di essere, di pensare, di operare.

Con i saluti più cordiali
Daniela Piscitelli
Presidente Aiap

Lettera curativa
(da inviare alle istituzioni che hanno istruito un bando non congruo con le norme Icograda)

Spettabile Amministrazione
Oggetto: Gare e concorsi per comunicare meglio

L’AIAP, l’associazione italiana per la progettazione della comunicazione visiva, nata nel 1945, lavora da sempre affinché il design, in tutto il nostro paese ritenuto elemento strategico, mantenga quel livello di eccellenza e continui ad essere una delle voci più importanti dell’economia nazionale e fonte di giustificato orgoglio.
Siamo perciò molto contenti che riteniate il progetto grafico un elemento così significativo per la riuscita della vostra comunicazione. E siamo particolarmene lieti che abbiate scelto la forma del concorso di idee per arrivare al vostro obiettivo. È, a nostro avviso, la forma di partecipazione più democratica, produttiva e trasparente.
Ma i risultati di un concorso sono direttamente proporzionali alla qualità del bando proposto, alla trasparenza delle norme, alla congruità dei premi, alla capacità di esprimere con correttezza e chiarezza i temi e le motivazioni di gara, alla composizione della giuria.
Ecco perché, pur con le vostre migliori intenzioni, vi è sfuggita l’esistenza di un organismo internazionale, chiamato Icograda (al quale aderisce anche l’AIAP), che stabilisce quelle regole che, se rispettate, fanno di un concorso un’occasione di crescita sia per il singolo ente committente, sia per l’intero sistema della comunicazione.
E che invece, se non rispettate, tendono a diffondere disordine, e scarsa aderenza agli obiettivi. Un corretto progetto è in primo luogo una risorsa e un buon investimento per i cittadini. Li aiuta e li educa al bello. In questo il ruolo della grafica e dei grafici è fondamentale.
Ecco perché, pur dovendo con rammarico chiedere ai nostri associati di non partecipare al vostro concorso per la mancanza dei requisiti minimi (che potete trovare sul sito www.icograda.org o, già tradotti in italiano, sul nostro sito www.aiap.it), rimaniamo a vostra disposizione, in ogni momento, per fornirvi tutto il supporto di competenze che può garantirvi la più importante e numerosa associazione italiana del settore. Ci farà molto piacere sentirvi, e cercheremo di diffondere a tutte le ammistrazioni pubbliche italiane, se è possibile anche con il vostro aiuto, il nostro modo di essere, di pensare, di operare.

Con i saluti più cordiali
Daniela Piscitelli
Presidente Aiap




Aiap
via Ponchielli, 3
20129 Milano

26 maggio 2017

Cerca:


AIAP facebook page AIAP youtube channel