InfoAiap

B - Regolamento delle categorie associative

• Soci ordinari – con diritto di voto in assemblea
• Sostenitori – senza diritto di voto in assemblea



6. SOCI
6.1 L’ammissione all’Associazione, in una qualsiasi delle sue categorie, è vincolata all’accettazione, da parte del candidato socio dello Statuto, del Regolamento, del Codice deontologico e della Privacy Policy.
6.2 Le categorie associative individuate sono:

SOCI ORDINARI – CON DIRITTO DI VOTO IN ASSEMBLEA
- Socio professionista Senior
- Socio professionista Junior
- Socio Onorario

SOSTENITORI – SENZA DIRITTO DI VOTO IN ASSEMBLEA
- Studente
- Sostenitore
- AIAP Scuole
- AIAP Imprese

SOCI ORDINARI – CON DIRITTO DI VOTO IN ASSEMBLEA
6.3 Socio professionista Senior
Comprende i designer della comunicazione visiva, i progettisti grafici in tutte le loro specificità e chi opera nell’area della formazione (di ogni ordine e grado), della ricerca e degli studi disciplinari.
È socio professionista Senior il socio:
- che provvede al progetto, al suo management nei vari aspetti e nelle differenti fasi in cui può articolarsi la progettazione applicata ai sistemi complessi di grafica, comunicazione visiva, identità visiva, di artefatti destinati ad una fruizione prevalentemente visiva, di standard, di software per la grafica, di caratteri alfabetici o altri codici per la trascrizione visiva della comunicazione;
- come titolare o dipendente di strutture professionali (studio, agenzia o impresa di grafica, comunicazione visiva, centro di ricerca, ecc.);
- come libero professionista o consulente;
- come responsabile interno, ai diversi livelli di competenza e di ruolo, all’industria editoriale, da quella tradizionale alla multimediale;
- come responsabile, ai diversi livelli di competenza e di ruolo, all’interno degli uffici di grafica, di comunicazione e immagine, di aziende, Enti, Istituzioni pubbliche e private, che si configurano nell’area della committenza.
- E che presenta le caratteristiche previste dall’art. 5.2 lettera “A” dello Statuto.
I soci Senior che non esercitano più la professione pagheranno una quota annuale ridotta.

Ammissione
Per l’ammissione è necessario:
- Sono necessari 5 anni di comprovata attività professionale
- Aver conseguito un diploma di laurea, diploma accademico o similare, titolo di Istituti superiori statali e/o privati pertinenti con la professione, o 5 anni di comprovata attività professionale.
- Compilare l’apposita domanda di iscrizione e fornire gli allegati richiesti.
- Fornire la documentazione che consenta la più corretta valutazione professionale del candidato.
- Condividere lo Statuto, il Codice etico e di condotta deontologica e gli altri riferimenti normativi dell’Associazione oltre al presente Regolamento nazionale.
- Versare la quota di iscrizione e la quota associativa annuale a seguito dell’ammissione all’Associazione.
- La domanda e la documentazione vanno presentate tramite modulistica on-line alla segreteria nazionale, per essere sottoposte alla Commissione professionale. La Commissione per l’ammissione è organizzata per via telematica, in collegamento con il Delegato regionale, se esistente.
Il socio professionista Senior ha il dovere di frequentare, almeno una volta ogni due anni, un corso o altro genere di iniziativa di formazione professionale, workshop, conferenze, seminari, nazionali o locali, organizzati o riconosciute dall’Associazione, che ne rilascerà un attestato, pena il decadimento dal titolo di socio professionista designer; tale aggiornamento professionale obbligatorio si intende a titolo gratuito per le iniziative organizzate direttamente dall’Associazione;

6.4 Socio professionista Junior
Comprende i designer della comunicazione visiva, i progettisti grafici in tutte le loro specificità e chi opera nell’area della formazione (di ogni ordine e grado), della ricerca e degli studi disciplinari. È socio professionista Junior il socio:
- che provvede al progetto, al suo management nei vari aspetti e nelle differenti fasi in cui può articolarsi la progettazione applicata ai sistemi complessi di grafica, comunicazione visiva, identità visiva, di artefatti destinati ad una fruizione prevalentemente visiva, di standard, di software per la grafica, di caratteri alfabetici o altri codici per la trascrizione visiva della comunicazione;
- come titolare o dipendente di strutture professionali (studio, agenzia o impresa di grafica, comunicazione visiva, centro di ricerca, ecc.);
- come libero professionista o consulente;
- come responsabile interno, ai diversi livelli di competenza e di ruolo, all’industria editoriale, da quella tradizionale alla multimediale;
- come responsabile, ai diversi livelli di competenza e di ruolo, all’interno degli uffici di grafica, di comunicazione e immagine, di aziende, Enti, Istituzioni pubbliche e private, che si configurano nell’area della committenza.
- E che presentano le caratteristiche previste dall’art. 5.2 lettera “B” dello Statuto.

Ammissione
Per l’ammissione è necessario:
- Aver conseguito un diploma di laurea, diploma accademico o similare, titolo di Istituti superiori statali e/o privati pertinenti con la professione oppure sono necessari 2 anni di comprovata attività professionale.
- Compilare l’apposita domanda di iscrizione e fornire gli allegati richiesti.
- Fornire la documentazione che consenta la più corretta valutazione professionale del candidato.
- Condividere lo Statuto, il Codice etico e di condotta deontologica e gli altri riferimenti normativi dell’Associazione oltre al presente Regolamento nazionale.
- Versare la quota di iscrizione e la quota associativa annuale a seguito dell’ammissione all’Associazione.
- La domanda e la documentazione vanno presentate tramite modulistica on-line alla Segreteria nazionale, per essere sottoposte alla Commissione professionale. La Commissione per l’ammissione è organizzata per via telematica, in collegamento con il Delegato regionale, se esistente.
Il socio Junior passerà automaticamente alla categoria Senior al raggiungimento dei requisiti previsti (vedi articolo 5.2 dello Statuto).
Il socio professionista Junior ha il dovere di frequentare, almeno una volta ogni due anni, di un corso o altro genere di iniziativa di formazione professionale, workshop, conferenze, seminari, nazionali o locali, organizzati o riconosciute dall’Associazione, che ne rilascerà un attestato, pena il decadimento dal titolo di socio professionista designer; tale aggiornamento professionale obbligatorio si intende a titolo gratuito per le iniziative organizzate direttamente dall’Associazione.

6.5 Socio Onorario
Sono Onorari i soci che presentano le caratteristiche previste dall’art. 5.2 lettera “C” dello Statuto.

SOSTENITORI – SENZA DIRITTO DI VOTO IN ASSEMBLEA
6.6 Studente
Sono Studenti i soci che presentano le caratteristiche previste dall’art. 5.2 lettera “D” dello Statuto. Non esercitano il diritto di voto in assemblea. È data possibilità alla categoria degli Studenti di poter individuare al proprio interno e attraverso procedure da concordare con il Consiglio Direttivo e il Collegio dei Probiviri, un designato a rappresentarli in Consiglio Direttivo, con la facoltà di presentare istanze o argomentazioni, pur senza diritto di voto.
6.7 Sostenitore
Sono Sostenitori i soci che presentano le caratteristiche previste dall’art. 5.2 lettera “E” dello Statuto. Non esercitano il diritto di voto in assemblea e non possono ricoprire cariche sociali.
6.8 AIAP Scuole
Sono soci “AIAP Scuole” le istituzioni formative che presentano le caratteristiche previste dall’art. 5.2 lettera “F” dello Statuto. Non esercitano il diritto di voto in assemblea e non possono ricoprire cariche sociali.
6.9 AIAP Imprese
Sono soci Imprese i soci che presentano le caratteristiche previste dall’art. 5.2 lettera “G” dello Statuto. Non esercitano il diritto di voto in assemblea e non possono ricoprire cariche sociali.

7. QUOTE ASSOCIATIVE
7.1 Coloro che richiedono l’ammissione all’Associazione devono versare una quota d’iscrizione. Dalla data di ammissione a socio, l’iscritto è tenuto al pagamento della quota associativa annuale per anno solare, secondo la categoria di adesione. Nel caso l’iscrizione avvenga nel secondo semestre dell’anno solare, l’iscritto è tenuto al pagamento di metà quota sociale e beneficerà dei servizi a partire dalla data di iscrizione.
7.2 Il Consiglio Direttivo stabilisce entro il 30 giugno di ogni anno, la quota di iscrizione minima da effettuarsi all’atto d’iscrizione all’Associazione e la quota associativa annuale divisa per categorie, entrambe valide per l’anno successivo.
7.3 L’adesione all’Associazione non comporta obblighi di finanziamento o di esborso ulteriori rispetto al versamento originario all’atto dell’ammissione e al versamento della quota annua d’iscrizione. È comunque facoltà degli associati di effettuare versamenti ulteriori rispetto a quelli originari e a quelli annuali anche in forma di sponsorizzazioni mediante servizi.
7.4 Il versamento delle quote non crea altri diritti di partecipazione e, segnatamente, non crea quote indivise di partecipazione trasmissibili a terzi, né per successione a titolo particolare, né per successione a titolo universale, né per atto tra vivi, né a causa di morte.

8. RADIAZIONI E ALTRE SANZIONI
8.1 Il Consiglio Direttivo, in base al giudizio del Probiviri e secondo la gravità delle infrazioni riscontrate, deve applicare le seguenti sanzioni:
- richiamo;
- proposta di sospensione dall’attività associativa;
- proposta di radiazione dall’Associazione, da ratificare alla prima Assemblea Ordinaria utile, nei seguenti casi: grave contravvenzione al Codice deontologico ed alle norme associative; grave contravvenzione allo Statuto e/o al Regolamento nazionale; indegnità professionale per condanna penale per reati non colposi la cui pena edittale superi, nel minimo, i due anni di reclusione, per dichiarazione di fallimento, interdizione o inabilitazione. La radiazione dall’Associazione può essere, inoltre, deliberata dal solo Consiglio Direttivo, nel caso di mancato pagamento delle quote associative.
8.2 Al socio è consentito di esercitare il diritto alla difesa, presentando al Collegio dei Probiviri, una memoria difensiva, quindici giorni prima della seduta dello stesso Collegio. A tale scopo il socio stesso deve essere informato del procedimento a suo carico, almeno trenta giorni prima della seduta. Ai Probiviri è consentito richiedere ulteriore documentazione integrativa al socio parte in causa.
8.3 Per i soci sottoposti a richiamo, censura e sospensione, rimane l’obbligo di versamento delle quote associative.
Per il socio radiato, permane l’obbligo di versamento delle quote dovute fino al momento della radiazione.
Qualora vengano a cessare i motivi che hanno determinato la radiazione, l’associato potrà richiedere la revisione della sua posizione e l’eventuale nuova iscrizione.




Aiap
via Ponchielli, 3
20129 Milano

22 ottobre 2019

Cerca:


AIAP facebook page AIAP youtube channel