InfoAiap

A - Regolamento di gestione

Tale regolamento norma i compiti del Consiglio Direttivo, dei Dipartimenti, del Direttore e della Commissione professionale.


3. CONSIGLIO DIRETTIVO
3.1 Oltre a quanto stabilito al punto 19 dello Statuto dell’Associazione, in merito alla composizione del Consiglio Direttivo nazionale, non può essere eletto nel Consiglio Direttivo più di un membro o di un associato del medesimo studio professionale.
I soci possono essere eletti nel Consiglio Direttivo per un massimo di due mandati consecutivi. Alla fine del mandato, i Consiglieri resteranno, comunque, in carica fino all’insediamento del nuovo Consiglio Direttivo. I candidati al ruolo di Consigliere, non devono aver subito sentenze di condanna, passate in giudicato, per fatti relativi all’Associazione.
3.2 Dopo tre assenze consecutive di un Consigliere alle riunioni regolarmente convocate, il Consiglio Direttivo ha l’obbligo di deliberare sull’eventualità di dichiarare la decadenza del mandato. Nella successiva riunione, il Consiglio Direttivo provvederà ai sensi dell’art. 19 dello Statuto dell’Associazione.
3.3 I membri del Consiglio e le società di cui sono soci, non possono partecipare a concorsi e gare promosse, patrocinate e gestite direttamente dall’Associazione stessa e in ogni caso qualora sia presente nella Giuria un membro del Consiglio stesso.
I membri del Consiglio non possono utilizzare i contatti nati all’interno dell’Associazione o promossi dall’Associazione stessa per ottenere incarichi retribuiti a titolo personale
3.4 Il Consiglio Direttivo, dietro consultazione del Collegio dei Probiviri, ha la responsabilità di assegnare incarichi a titolo gratuito per i progetti grafici e di allestimenti inerenti ad eventi Aiap facendo attenzione che questi possano coinvolgere a rotazione la base associativa e privilegiando i soci giovani.
In casi di emergenza si adopereranno le risorse più vicine all’Associazione sia interne che esterne sempre a titolo gratuito.
In generale e di concerto con il Collegio dei Probiviri vale la prassi che:
– per progetti ed attività di rilievo nazionale i membri del Consiglio Direttivo, i Revisori dei Conti e il Tesoriere non possono partecipare neanche a titolo gratuito, salvo casi di emergenza e eccezionalità e di concerto con il Collegio dei Probiviri che, in quanto organo di controllo è automaticamente escluso;
– per le attività locali il Consiglio Direttivo di concerto con il Collegio dei Probiviri assegnerà il progetto/esecutivo ad un designer locale giovane, socio o non socio, a titolo gratuito.
Queste regole valgono anche per Probiviri, Revisori e Tesoriere nonchè mutuate alle Delegazioni regionali.
3.5 È compito del Consiglio Direttivo editare, durante il triennio in carica, una edizione della Guida alle prestazioni professionali, avvalendosi della collaborazione degli associati esperti nelle diverse specificità professionali del progetto grafico.

4. DIPARTIMENTI OPERATIVI
4.1 L’Associazione può organizzarsi al proprio interno attraverso sette Dipartimenti operativi tanti quanti sono le cariche presenti in Consiglio Direttivo:
– Dipartimento delle funzioni istituzionali
– Dipartimento delle relazioni internazionali
– Dipartimento della professione
– Dipartimento della ricerca
– Dipartimento della formazione
– Dipartimento delle relazioni interne
– Dipartimento delle relazioni esterne
Ciascun Dipartimento è presieduto da un membro del Consiglio Direttivo.
I Dipartimenti strutturano l’Associazione, propongono iniziative e attività che vengono discusse e valutate dal Consiglio Direttivo, si occupano della buona conduzione dell’Associazione in forma di compiti da svolgere o attività da perseguire.
Ogni Dipartimento è strettamente correlato agli altri con i quali si deve interconnettere per le operazioni congiunte. L’obiettivo è creare una rete di attività trasversali e condivise.

4.2 DIPARTIMENTO DELLE FUNZIONI ISTITUZIONALI
È il Dipartimento che si attribuisce alla gestione della Presidenza Aiap per le sue mansioni di raccordo con il mondo istituzionale, politico e di rappresentanza.
– relazioni con le Istituzioni politiche;
– relazioni con le Istituzioni amministrative;
– relazioni con le altre associazioni nazionali e tutti gli altri organismi preposti allo sviluppo della cultura del design;
– relazioni con Enti pubblici nazionali;
– relazioni con Enti privati nazionali;
– responsabilità amministrativa e contabile;
– responsabilità legale;
– rapporto con i partner “istituzionali”;
– relazioni con le Delegazioni regionali;
– responsabilità organizzativa della Settimana internazionale della grafica;
– premio/premi Aiap;
– tutte quelle attività di raccordo atte a consolidare, rafforzare e promuovere l’Associazione, i suoi valori e tutte le sue attività, in tutti gli ambiti locali, nazionali e internazionali.

4.3 DIPARTIMENTO DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI
È il Dipartimento che si attribuisce alla gestione della Vice Presidenza Aiap per le sue mansioni di raccordo con il mondo istituzionale, politico e di rappresentanza in sede internazionale.
– relazioni con le Istituzioni politiche internazionali;
– relazioni con le Istituzioni amministrative internazionali;
– relazioni con le altre associazioni internazionali e tutti gli altri organismi preposti allo sviluppo della cultura del design in Europa e nel mondo;
– rapporti con associazioni straniere;
– relazioni con Enti pubblici internazionali;
– relazioni con Enti privati internazionali;
– tutte quelle attività di raccordo atte a consolidare, rafforzare e promuovere l’Associazione, i suoi valori e tutte le sue attività, in tutti gli ambiti europei e internazionali.

4.4 DIPARTIMENTO DELLA PROFESSIONE
È il dipartimento che si occupa di coordinare tutte le attività di divulgazione tutela e promozione della professione, nonchè attivare tutte quelle attività ed iniziative utili allo sviluppo delle attività professionali sia in relazione al pubblico che al privato.
– relazione con il mondo dell’impresa;
– relazione con le associazioni nazionali e locali legate alle piccole e medie imprese;
– relazioni con Confindustria;
– tavolo tecnico aggiornamento professionale ai soci;
– tavolo tecnico e responsabilità della pubblicazione Guida alle prestazioni professionali;
– aspetti legali legati alla professione;
– monitoraggio della cultura professionale sul mercato (professionisti, professionisti soci e imprese nazionali e locali);
– certificazione del professionista;
– monitoraggio e controllo bandi e concorsi;
– monitoraggio delle economie generate dal comparto del progetto e della formazione;
– strutturazione statistiche legate al lavoro e all’impresa;
– attivazione di tutti quegli strumenti, cartaceo e/o digitali utili all’aggiornamento professionale.

4.5 DIPARTIMENTO DELLA RICERCA
È il dipartimento che si occupa dell’aspetto della professione legato alla ricerca, storica, metodologica, critica e dell’innovazione.
– responsabilità, gestione e sviluppo del Centro di Documentazione sul Progetto Grafico (CDPG);
– responsabilità, gestione e sviluppo della Biblioteca Aiap;
– responsabilità, gestione e sviluppo del bookshop (libreria Aiap cartacea/on-line);
– responsabilità e gestione della Galleria Aiap,
– responsabilità e gestione produzione rivista Progetto Grafico (se editata);
– responsabilità e gestione produzione di tutti gli strumenti editoriali, cartacei e/o digitali, editati da Aiap;
– responsabilità, sviluppo e gestione Guida alle prestazioni professionali.

4.6 DIPARTIMENTO DELLA FORMAZIONE
È il dipartimento che si occupa dell’aspetto della professione legato alla formazione in relazione al controllo dell’offerta e alle necessità legate allo sviluppo della ricerca.
– divulgazione della cultura di progetto verso il mondo accademico;
– rapporto con le Università e le Scuole di comunicazione, design e grafica;
– mappatura e aggiornamento degli Istituti pubblici e privati nei quali si insegnano le discipline del progetto grafico e del design della comunicazione;
– mappatura, campionamento e aggiornamento dei piani di studio, dei manifesti degli studi e dei programmi didattici;
– monitoraggio leggi e organismi legati alla formazione, tavoli tecnici e di valutazione della qualità scientifica dei corsi, Miur, Afam, Cun e simili;
– comparazione permanente dei manifesti degli studi italiani in rapporto alla formazione europea e internazionale;
– attivazione tavolo tecnico per procedure, parametri e certificazione Istituti accreditati Aiap: sviluppo de “Il modello Aiap”;
– monitoraggio, intercettazione e gestione di Bandi europei legati alla ricerca e sviluppo;
– concertazione di piani di ricerca trasversali con Università, Centri di ricerca e Istituti pubblici e/o privati, europei o internazionali;
– responsabilità, gestione e organizzazione attività di formazione permanente verso i soci.

4.7 DIPARTIMENTO DELLE RELAZIONI INTERNE

È il dipartimento che si occupa di coordinare, controllare, gestire e implementare i rapporti con la base associativa:
– presiede le Assemblee locali;
– presiede e affianca le Delegazioni laddove necessario;
– convoca Assemblee regionali in assenza di Delegazione;
– organizza uno sportello aperto per i soci attraverso il quale monitorare esigenze e criticità di soci e/o territori;
– sviluppa piani di implementazione nei territori più poveri di associati;
– struttura e aggiorna una mappatura dei soci per: territorialità, fatturato, specificità disciplinare, grandezza dello studio, visibilità, attitudine alla ricerca e alla sperimentazione;
– si preoccupa di consentire il turnover della base associativa in Giurie di concorsi, formazione, tavoli tecnici, attività di formazione;
– si preoccupa di stilare questionari ad hoc per monitorare la professione, la fedeltà all’Associazione, la volontà ad essere maggiormente coinvolti nelle attività associative;
– si preoccupa di attivare iniziative per dare visibilità ai soci attraverso strumenti cartacei e/o digitali, piattaforme on-line, concorsi ad hoc, mostre con comitato scientifico.

4.8 DIPARTIMENTO DELLE RELAZIONI ESTERNE

È il dipartimento che si occupa di pianificare, controllare e implementare le attività di comunicazione, verso l’esterno dell’Associazione, mirate alla costruzione della notorietà di Aiap, la sua riconoscibilità, l’affermazione della sua identità;
– pianificazione della promozione istituzionale dell’Associazione;
– pianificazione, implementazione e guide strategiche per le attività di ufficio stampa;
– pianificazione, implementazione e guide strategiche per il sito internet e tutti gli strumenti editoriali Aiap;
– responsabilità, selezione e pianificazione delle sponsorizzazioni;
– responsabilità e supervisione delle componenti contrattuali e degli accordi formali e informali;
– responsabilità patrocini di eventi;
– responsabilità e coordinamento della Identity Aiap;
– verifica e controllo dell’utilizzo marchio Aiap, alla sua dicitura estesa o contratta e al suo acronimo, controllo del suo manuale d’uso, sia in ambito istituzionale interno ad Aiap che regionale nelle Delegazioni se esistenti, nelle Regioni laddove non costituite come Delegazioni e in ogni sua declinazione;
– responsabilità delle modalità di progetto e produzione della tessera annuale Aiap;
– responsabilità e affiancamento alla figura del Direttore.

5. DIRETTORE
5.1 Mansioni
È incaricato dal Consiglio Direttivo e resta in carica per la durata del contratto professionale, sulla base dei requisiti professionali, dell’attività di supporto, coordinamento e di relazione. In particolare, le sue mansioni consistono in:
– supporto all’attività del Presidente e dell’intero Consiglio Direttivo;
– supervisione Segreteria, coordinamento interno, gestione operatività e risorse umane;
– responsabile ricerca risorse finanziarie, relazioni tra imprese, sponsorizzazioni e promozioni;
– formalizzare, sulla base delle linee guida dell’Associazione, le richieste di patrocini, concorsi, lettere formali, contratti, varie ed eventuali;
– condividere e monitorare il Bilancio generale Aiap, il budget su progetti singoli, di concerto con la segreteria amministrativa ed il Tesoriere.

6. COMMISSIONE PROFESSIONALE
6.1 La Commissione Professionale Aiap è nominata dal Consiglio Direttivo ed è composta da n. 5 (cinque) membri di consolidata esperienza professionale.
Non può far parte di tale Comissione chi ricopre altri incarichi quali Consigliere Nazionale e Revisore.
Il membro con più anzianità associativa, o con più anzianità nella commissione, ricoprirà la carica di Presidente della Commissione Professionale.
In occasione degli incontri di valutazione dei candidati, deve essere presente almeno un membro effettivo della Commissione Professionale, supportato da massimo due soci professionisti, per un massimo di tre Commissari.
6.2 La Commissione deve stilare dei parametri di ammissione, sia in merito ai criteri di valutazione dei candidati, sia in merito ai criteri di comunicazione dell’ammissione o meno dei candidati nell’Associazione.
La Commissione Professionale Aiap può delegare un Consigliere nazionale, un Delegato regionale, ove sia stato nominato, o un membro degli organi di controllo, a formare una sub-commissione con altri soci professionisti, per un totale di tre Commissari, alle valutazioni, in ambito locale dei candidati a nuovi soci.
6.3 La Legge stabilisce tempi e modi relativi all’obbligo dell’aggiornamento professionale (formazione continua) da parte dei soci. La Commissione Professionale di concerto con il Consiglio Direttivo, individua gli strumenti idonei a tali fini. Le attività di formazione obbligatoria vengono rese pubbliche ai soci attraverso pubblicazione sugli strumenti cartacei e/o digitali a disposizione, aggiornate almeno ogni triennio. Le attività di formazione permanente obbligano il singolo socio alla partecipazione di almeno un workshop o seminario o conferenza organizzata da Aiap o accreditata dall’Associazione, entro un biennio. Tale formazione obbligatoria non aggraverà il socio di altri oneri aggiuntivi e verrà certificata dalla Segreteria.




Aiap
via Ponchielli, 3
20129 Milano

29 giugno 2017

Cerca:


AIAP facebook page AIAP youtube channel