InfoAiap

F - Regolamento per la concessione dei patrocini e l’uso del marchio Aiap

Il presente Regolamento stabilisce i criteri e le modalità per la concessione di patrocini onerosi da parte di Aiap a soggetti pubblici e privati sia come entità profit che no profit.
Altresì stabilisce le modalità di utilizzo del marchio e della dicitura dell’Associazione da parte del corpo associativo stesso e da altri soggetti.


25.1 Premessa
Il presente regolamento stabilisce i criteri e le modalità per la concessione di patrocini onerosi da parte dell’Aiap a soggetti pubblici e privati sia come entità profit che non profit. L’ottenimento del patrocinio equivale al riconoscimento dei parametri di seguito indicati. Altresì stabilisce le modalità di utilizzo del marchio e della dicitura dell’Associazione da parte del corpo associativo stesso e da altri soggetti.

 

25.2 Finalità di utilizzo
Le disposizioni del presente regolamento sono finalizzate a sostenere attività che promuovono la progettazione grafica e il design della comunicazione visiva.

 

25.3 Soggetti beneficiari dei patrocini
Sono soggetti potenziali beneficiari dei patrocini Aiap: Soci, persone fisiche, Scuole, Istituti superiori, Università, Centri di formazione che operano nel campo del design della comunicazione visiva; Enti profit e no profit che aspirano ad un contatto collaborativo con l’Associazione e vi si riconoscano nelle sue finalità.

 

25.4 Tipologie dei patrocini
Aiap considera la possibilità di concessione dell’utilizzo del marchio, per le seguenti tipologie di patrocini:
– patrocini per concorsi;
– patrocini per eventi esterni in ambito nazionale ed internazionale;
– patrocini per eventi regionali o a carattere locale;
– patrocini per iniziative non profit:
– patrocini per pubblicazioni (cartacee o digitali);
– patrocini per istituti pubblici o privati di formazione;
– patrocini per workshop, seminari, conferenze ovvero altro tipo di attività formativa.

 

25.5 Criteri per la concessione di patrocini
La concessione del patrocinio è formalizzata, su incarico del Consiglio Direttivo, dalla Commissione Patrocini, che esaminerà la domanda e la documentazione pervenuta all’attenzione della segreteria Aiap sulla base dei seguenti criteri:
coerenza dell’attività o dell’iniziativa con le finalità istituzionali dell’Associazione, valutata con riferimento agli ambiti generali di attività; ai programmi ed ai progetti inerenti il design della comunicazione visiva;
rilevanza per il corpo associativo, valutata sulla base di parametri dimensionali (numero di potenziali fruitori) o di promozione dell’area disciplinare del design della comunicazione visiva;
significatività del rapporto tra l’immagine dell’Associazione e l’evento, valutata con riguardo ai contenuti, alla varietà e alle potenzialità di diffusione del messaggio e degli strumenti comunicativi utilizzati.
Il patrocinio è concesso in relazione a singole iniziative o gruppi di iniziative (per es. eventi). La concessione del patrocinio non conferisce diritto, né aspettativa, di continuità per altre iniziative o per la stessa iniziativa ripetuta periodicamente, ma viene valutato volta per volta.

 

25.6 Limitazione all’ambito di applicazioni ed esclusioni
Il patrocinio, in ragione della sua natura, non costituisce in alcun modo strumento per sponsorizzare attività o altro tipo di iniziative.
L’Aiap non concede patrocini per:
iniziative di carattere partitico;
iniziative palesemente non coincidenti con il carattere dell’Associazione (vedi art. 2 dello Statuto Aiap);

 

25.7 Procedura per la concessione dei patrocini
25.7.1. I soggetti interessati ad ottenere il patrocinio dell’Aiap devono formulare una richiesta scritta e indirizzata alla segreteria Aiap.
Tale richiesta, corredata della documentazione descritta nel par. 25.7.2, deve essere presentata con almeno 30 (trenta) giorni di anticipo dalla data di inizio o di svolgimento dell’evento o dalla pubblicazione del progetto.
È assolutamente necessario il rispetto della tempistica indicata per dare modo alla Commissione Patrocini di valutare attentamente la documentazione pervenuta.
Nel caso in cui tale data non sia rispettata il patrocinio non sarà concesso, a prescindere dalla bontà del progetto presentato; solo in circostanze eccezionali e dimostrabili la Commissione Patrocini ha facoltà di ridurre a 5 giorni di anticipo, a condizione che la documentazione sia conforme a quanto richiesto.
Nel caso di richiesta di patrocini a pubblicazioni cartacee o digitali, l’elaborato dovrà mantenere nella sua stesura definitiva le caratteristiche essenziali del progetto presentato a suo tempo, pena eventuali rettifiche a cura del richiedente da concordare con l’Associazione.

25.7.2. La richiesta va effettuata compilando il modulo PDF disponibile sul sito Aiap e inviandolo ad aiap@aiap.it e deve essere accompagnata da una relazione sintetica, che espliciti ogni notizia utile a valutarne l’ammissibilità al patrocinio e da un programma il più possibile dettagliato della iniziativa o concorso o evento.
In particolare, la domanda dovrà esplicitare i seguenti elementi:
a) natura, finalità e modalità di svolgimento dell’iniziativa programmata;
b) la/e data/e e il luogo di realizzazione;
c) altri soggetti pubblici e privati coinvolti nell’organizzazione dell’iniziativa;
d) la dichiarazione comprovante eventuali analoghe e/o contestuali richieste di patrocinio ad altre associazioni, Enti pubblici e l’elenco degli eventuali sponsor;
e) impatto potenziale dell’iniziativa sulla comunità locale e in altri contesti;
f) principali strumenti e artefatti progettati per la comunicazione dell’iniziativa (bozza degli stampati, pagine web, manifesti e artefatti che si intendono realizzare);
g) edisposizione di testo e immagini utili per la pubblicazione, secondo le indicazioni inviate dalla Segreteria Aiap.

25.7.3 La concessione del patrocinio non comporta per l’Associazione l’erogazione di contributi o la partecipazione alle spese organizzative della manifestazione o dell’iniziativa patrocinata.

25.7.4 Il provvedimento di concessione del patrocinio può stabilire anche condizioni specifiche per l’utilizzo del marchio e della dicitura dell’Aiap in relazione a particolari ed eccezionali condizioni.

25.7.5 Il ruolo dell’Associazione dovrà essere precisato negli strumenti comunicativi inerenti l’iniziativa patrocinata con formule specifiche. In particolare:
– la semplice adesione all’evento:
«patrocinio Aiap – Associazione italiana design della comunicazione visiva»;
compartecipazione all’iniziativa: «con la collaborazione di Aiap – Associazione italiana design della comunicazione visiva».
Nel caso di patrocini legati all’attività formativa bisognerà invece specificare:
– corso, seminario, workshop o altra attività di formazione:
«patrocinio Aiap – Associazione italiana design della comunicazione visiva».

25.7.6 Nei patrocini il beneficiario potrà utilizzare il marchio Aiap con la sua relativa dicitura indicando esattamente il tipo di patrocinio comunicata dall’Associazione. Per rispondenza, la bozza degli artefatti, cartacei e digitali, riportante la concessione del patrocinio associativo, dovrà essere visionata e vistata dalla Segreteria Aiap, prima che ne venga disposta la stampa e la diffusione da parte del soggetto proponente.

25.7.7 La Commissione Patrocini provvederà a verificare i risultati dell’iniziativa e la corrispondenza del programma realizzato con quello previsto, richiedendo eventualmente agli organizzatori una relazione e ogni altra documentazione in merito.

 

25.8 Patrocini onerosi e non onerosi
Ferme tutte le procedure per la richiesta del patrocinio così come normate ai punti precedenti, l’Aiap si riserva di offrire patrocini non onerosi in quei casi in cui l’Ente richiedente o l’evento in oggetto abbiano caratteristiche non profit.
Per i patrocini onerosi l’entità dell’importo sarà valutata dal Consiglio Direttivo sentito il parere del Tesoriere e deliberata in sede di Consiglio Direttivo.

 

25.9 Contributo alle spese organizzative e di segreteria
25.9.1 Ad esclusione dei soci Aiap, in regola con le quote associative, che avranno diritto ad un patrocinio gratuito all’anno, i richiedenti di patrocinio (oneroso e non oneroso) non soci Aiap, dovranno corrispondere all’associazione un rimborso spese stabilito annualmente dal Tesoriere a titolo di contributo alle spese organizzative e di segreteria.

25.9.2 In casi eccezionali riferibili, per esempio, al mondo non profit la Commissione Patrocini potrà decidere di concedere il patrocinio totalmente gratuito.

 

25.10 Procedura per la concessione dei patrocini per concorsi
25.10.1 In caso di concorsi il bando deve rispettare tutte le norme internazionali Ico-D (già Icograda), tali norme sono disponibili online sul sito dell’Associazione.

25.10.2 I soggetti interessati a ottenere il patrocinio dell’Aiap per un proprio concorso devono formulare una richiesta scritta e indirizzata alla Segreteria Aiap. Alla richiesta deve essere allegato il bando di concorso (possibile di modifiche) da inoltrare alla Commissione Patrocini.
Unitamente alla richiesta scritta e al bando di concorso l’Ente richiedente dovrà corrispondere alla Segreteria amministrativa Aiap una quota per i diritti di segreteria legati alla concessione del patrocinio.
La richiesta deve essere presentata con almeno 30 (trenta) giorni di anticipo dalla data di pubblicazione del bando.
È assolutamente necessario il rispetto della tempistica indicata per dare modo alla Commissione Patrocini di valutare attentamente la documentazione pervenuta.
Nel caso in cui tale data non sia rispettata il patrocinio
non sarà concesso, a prescindere dalla bontà del progetto presentato; solo in circostanze eccezionali e dimostrabili la Commissione ha facoltà di ridurre a 20 giorni di anticipo, a condizione che la documentazione sia conforme a quanto richiesto. La Commissione, a istruttoria chiusa, comunica al Consiglio Direttivo il proprio parere.

25.10.3 Il ruolo dell’Associazione dovrà essere precisato negli strumenti comunicativi inerenti il concorso patrocinato con formule specifiche. In particolare:
– la semplice adesione al concorso:
«patrocinio Aiap – Associazione italiana design della comunicazione visiva»
– compartecipazione all’iniziativa: «con la collaborazione di Aiap – Associazione italiana design della comunicazione visiva» .


25.11 Utilizzo del marchio e della dicitura Aiap
25.11.1 Il marchio Aiap è stato depositato presso l’Ufficio italiano brevetti e marchi (UIBM) del Ministero dello Sviluppo economico.
Il singolo Socio (professionista senior e junior, professionista della formazione, studente, senior non praticante, onorario, sostenitore) può includere nella propria modulistica, sui propri strumenti cartacei e digitali il marchio Aiap e la sua dicitura indicando esattamente la categoria di appartenenza associativa.
Studi professionali e società non possono utilizzare il logo Aiap nella loro comunicazione istituzionale, fatta eccezione per i soci sostenitori e nei casi e modi illustrati nell’art. 25.11.2. Il corpo associativo non può utilizzare il marchio Aiap per altro tipo di finalità.

25.11.2 Nel caso di uno studio associato, di una società in accomandita semplice (S.a.s.), società in nome collettivo (S.n.c.) o S.r.l., nella modulistica, sui propri strumenti cartacei e digitali potrà essere incluso il marchio Aiap solo se questo sarà preceduto dal nominativo del socio Aiap e indicando esattamente la categoria di appartenenza associativa.


agg. 12/16




Aiap
via Ponchielli, 3
20129 Milano

29 giugno 2017

Cerca:


AIAP facebook page AIAP youtube channel