Progetto Grafico

Premio speciale per la traduzione - Ed.2009

Marzo 2010

 

La fine dell’anno ha portato un grande riconoscimento alla rivista Progetto grafico, il Premio speciale per la traduzione - Edizione 2009, attribuito all’unanimità dalla Commissione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali"in riconoscimento degli elevati apporti culturali o professionali o tecnici o metodologici, realizzati nell'ambito e in supporto del tradurre informazioni, messaggi, normative già concepiti in altra lingua."

 


Settembre 2009

"Progetto grafico" è un grande strumento di crescita e diffusione della cultura del progetto e della comunicazione visiva, è ciò che i soci AIAP ricevono periodicamente e gratuitamente sul proprio tavolo, è ciò che guarda fuori dalla professione e la mette a confronto con le realtà più distanti, è ciò che ci fornisce quella consapevolezza metodologica necessaria per affrontare la complessità. In "Progetto grafico" troviamo analisi, strumenti e riflessioni in un virtuoso equilibrio tra professione, mercato, ricerca, storia. 

Questo premio a "Progetto grafico" è un riconoscimento che va meritatamente al suo direttore Alberto Lecaldano, alla redazione formata da Alessandro Colizzi, Riccardo Falcinelli, Mario Fois, Lodovico Gualzetti, Giovanni Lussu, Luciano Perondi, Antonio Perri, Mario Piazza, Fabrizio M. Rossi, Mario Rullo, Silvia S?igiotti, Gianfranco Torri, all’Aiap di cui Progetto grafico è il periodico, e in termini di orgoglio e soddisfazione anche a tutti i soci AIAP.
Di seguito il testo che Alberto Lecaldano ha presentato per la partecipazione al premio in cui, in maniera sintetica ha cercato di narrare, toccando dei punti salienti, la storia di "Progetto Grafico", che è cresciuta nel tempo in termini di qualità e riconoscimento nazionale e internazionale. Il premio ne è la conferma.

 

||||||||||||||||||||||||||||||||
Progetto gra?co 

Periodico dell'Aiap, Associazione italiana progettazione per la comunicazione visiva

La grafica del mondo 
Il primo numero della rivista "Progetto grafico" è del 2003. È oggi la rivista di grafica più diffusa in Italia. Nei 15 numeri della sua storia molto spazio è stato dato a collaborazioni di autori stranieri, alla progettazione grafica fuori d'Italia, a studi e approfondimenti delle numerose questioni legate alla professione o alla disciplina dalla quale la rivista prende il titolo, alla traduzione di articoli o saggi da riviste o pubblicazioni straniere. Ma molti sono anche gli aricoli che analizzano periodi, culture o avvenimenti fuori dal nostro paese. Un elenco o un indice sarebbero interminabili. Qui solo qualche esempio dagli ultimi numeri e un accenno ad alcune delle cose più importanti.

Nell'ultimo numero: 14/15
In apertura un articolo di un noto grafico francese, Alain Le Quernec, fa il punto sulla grave situazione in Iran con particolare attenzione al destino della grafica iraniana che dal 2001per la sua qualità, per la sua tradizione, e per essere molto radicata nella storia del Paese è al centro dell'attenzione internazionale.
Luigi Farrauto a New York ha intervistato il mitico grafico Nigel Holmes che ha portato anche nella comunicazione più popolare gli strumenti dell'info-grafica o information design.
In una ampia sezione dedicata al rapporto tra grafica e teatro oltre alle più importanti esperienze italiane (ad esempio il Piccolo teatro di Milano, la Collana di Teatro di Einaudi) sono presentati da Silvia Sfligiotti molti progetti europei contemporanei e inoltre in Il teatro e la città, un articolo tradotto dalla più nota rivista europea "Etapes", proprio il direttore di Etapes, Etienne Hervy, analizza alcune esperienze francesi. Con questa rivista si è aperto un rapporto di scambi di articoli.
E ancora nel numero un'ampia sezione è dedicata a Multiverso. Icograda design week, la settimana della grafica organizzata da Aiap e Icograda, l'Associazione internazionale dei graphic designer, che si è svolta a Torino con interviste e approfondimenti sugli interventi dei relatori che in quella manifestazione venivano da tutto il mondo.

Nel numero 12/13
La sezione centrale della rivista, curata da Mario Piazza e Gianfranco Torri, era dedicata a Germano Facetti, alla sua vita, la tragica esperienza dei lager, e al suo lavoro di radicale trasformazione della grafica della più nota collana popolare inglese la Penguin Books.
Un'ampia recensione di Simona Brovelli al volume di Robin Kinross su Anthony Froshaug (ancora non pubblicato in Italia) e una di Antonio Perri sul fondamentale volume di Robin Kinross Tipografia modernariportano la voce di uno dei più importanti studiosi della storia della grafica del xx secolo in Inghilterra.
Un saggio di Fabrizio M. Rossi e uno di Aldo Ferrari trattano dell'Armenia: l'alfabeto, la tipografia "in esilio".

Samizdat
L'ampia apertura di Progetto grafico n 11era dedicata ai Samizdat, cioè all'editoria clandestina in epoca sovietica quando centinaia di migliaia di persone consentivano la circolazione libera della cultura battendo a macchina i i testi e facendone quattro copie. In questa sezione sono stati pubblicati testi originali di importanti autori russi come Dmitrij Prigov, Evgenij Popov, Stanislav Savickij.


"Typography Papers"

È la più importante rivista inglese di cultura della grafica nata nell'ambito del Dipartimento di tipografia e grafica dell'università di Reading e oggi pubblicata da Hiphen Press. I collegamenti tra "Progetto grafico" e questa rivista sono stretti. Da questa rivista abbiamo pubblicato due autorevoli saggi.
Nel numero 4 del febbraio 2005, a cura di Giovanni Lussu e Antonio Perri, abbiamo tradotto un saggio di Ole Lund sul dibattito sulla segnaletica stradale progettata da Jock Kinneir. Dibattito che appassionò l'opinione pubblica inglese e che si sviluppò anche sui media più popolari.
Nel numero 10, giugno 2007, abbiamo pubblicato il saggio di James Mosley: Giovan Francesco Cresci e la lettera baroccacon una introduzione di Giovanni Lussu.

Gli allegati di "Progetto grafico"
La rivista è arrivata alla pagina 2538 e ogni mille pagine ‘festeggia' la ricorrenza con un allegato. Nei due allegati usciti sono stati pubblicati traduzioni di importanti testi stranieri.
Nel primo Alessandro Colizzi ha curato la traduzione di Il calice di cristallo. Ovvero della tipografia invisibile di Beatrice Warde. Il testo di una conferenza da tutti conosciuto nel mondo della grafica, e al quale tutti fanno riferimento per ‘difendere' la tipografia tradizionale ma che in Italia non era mai stato tradotto e pubblicato.
Il secondo allegato, curato da Giovanni Lussu, è la traduzione con una prefazione e una appendice di un capitolo di Anschauliche Geometrie di David Hilbert e Stefan Cohn-Vossen. Sistemi regolari di punti: i gruppi cristallografici di movimenti nel piano. Il testo è accompagnato all'interno della rivista da un articolo sui diciassette gruppi di simmetria.

Il premio European Design Awards
"Progetto grafico" partecipa da due anni all'organizzazione e alle selezioni per il premio European Design Awards. È un premio internazionale lanciato dalle più importanti riviste europee e l'Italia è rappresentata proprio da "Progetto grafico".

Progetto gra?co
Direttore: Alberto Lecaldano 
Redazione: Alessandro Colizzi, Riccardo Falcinelli, Mario Fois, Lodovico Gualzetti, Giovanni Lussu, Luciano Perondi, Antonio Perri, Mario Piazza, Fabrizio M. Rossi, Mario Rullo, Silvia S?igiotti, Gianfranco Torri

||||||||||||||||||||||||||||||||

 

 


apri

download:



Aiap
via Ponchielli, 3
20129 Milano

26 maggio 2017

Cerca:


AIAP facebook page AIAP youtube channel